31.10.19 ore 16.27

Piano Juncker e le prospettive per il futuro

Finanziamento europeo: l’impatto del Piano Juncker e le prospettive per il futuro

Presentato nel 2014, il Piano d’Investimento per l’Europa, conosciuto anche con il nome del presidente della Commissione europea che l’ha voluto, ha svolto un ruolo chiave nel promuovere l’occupazione e la crescita nell’UE.

I suoi tre obiettivi sono:

  • rimuovere gli ostacoli agli investimenti,
  • dare visibilità e assistenza tecnica ai progetti di investimento,
  • utilizzare in modo più intelligente le risorse finanziarie.

Spesso i finanziamenti sono destinati a progetti altamente innovativi o a start-up senza una storia di credito; il Piano Juncker consente al Gruppo BEI di finanziare un maggior numero di operazioni con un profilo di rischio più elevato di quanto sarebbe stato possibile senza il sostegno della garanzia del bilancio dell’UE, nonché di raggiungere nuovi clienti: tre su quattro che ricevono il sostegno del Piano Juncker sono nuovi per la banca.

Negli ultimi cinque anni, gli investimenti del gruppo della Banca europea per gli investimenti (BEI), sostenuto dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (EFSI) del piano Juncker, hanno aumentato il PIL dell’UE dello 0,9% e hanno aggiunto 1,1 milioni di posti di lavoro rispetto allo scenario di base.

Entro il 2022, il piano Juncker avrà aumentato il PIL dell’UE dell’1,8% e aggiunto 1,7 milioni di posti di lavoro.

Questi sono gli ultimi calcoli del Centro comune di ricerca (CCR) e del dipartimento di economia del gruppo BEI, basati su accordi di finanziamento approvati fino alla fine di giugno 2019.

Un impatto a lungo termine

Oltre all’impatto diretto che il piano Juncker ha avuto sull’occupazione e sulla crescita del PIL, il piano avrà anche un impatto macroeconomico a lungo termine sull’UE. In vista del 2037, le operazioni del piano Juncker avranno ancora creato 1 milione di posti di lavoro e avranno aumentato il PIL dell’UE dell’1,2%.

Il miglioramento della connettività e l’aumento della produttività derivanti dai progetti sostenuti dal Piano Juncker contribuiscono a rafforzare la competitività e la crescita europea a lungo termine.

junker

Aumentare gli investimenti e sostenere le PMI

A partire dall’ottobre 2019, il piano Juncker dovrebbe mobilitare 439,4 miliardi di euro in investimenti supplementari in tutta l’UE. Si prevede che più di un milione di nuove imprese e piccole imprese beneficeranno ora di un migliore accesso ai finanziamenti.

Circa il 70% degli investimenti mobilitati previsti proviene da risorse private, il che significa che il piano Juncker ha raggiunto anche l’obiettivo di mobilitare gli investimenti privati.

Chi ha ricevuto finanziamenti?

Grazie al Piano Juncker, la BEI e la sua controllata per il finanziamento delle piccole imprese, il Fondo europeo per gli investimenti (FEI), hanno approvato finanziamenti per quasi 1200 operazioni e sono sulla buona strada per fornire finanziamenti di rischio a più di un milione di start-up e PMI in un’ampia gamma di settori e in tutti i 28 paesi dell’UE.

Il futuro del Piano Juncker: il programma InvestEU

Proposto a giugno 2018, il nuovo programma InvestEU per la programmazione 2021-2027 semplificherà l’accesso ai finanziamenti dell’UE per i progetti di investimento e la loro efficacia. Sulla base del successo del Piano Juncker, esso riunirà sotto lo stesso tetto e con un unico marchio il Fondo europeo per gli investimenti strategici e altri 13 strumenti finanziari dell’UE che attualmente sostengono gli investimenti nell’UE.

Il presidente Jean-Claude Juncker ha dichiarato: “Il Piano d’Investimento ha riportato l’Europa in attività e ha realizzato la priorità numero uno di questa Commissione: creare posti di lavoro e crescita.

Ma possiamo fare di più ed è di questo che si tratta di investire nell’UE. Facendo un uso intelligente del bilancio dell’UE, InvestEU aiuterà l’Europa a rimanere un luogo attraente per gli investitori di tutto il mondo. Nel prossimo decennio, il programma sbloccherà almeno 650 miliardi di euro per consentire all’Europa di investire nel suo futuro, nella sua economia e nei suoi cittadini”.

InvestEU sosterrà quattro aree di policy, concentrandosi sui settori in cui l’UE può apportare il maggiore valore aggiunto, fornendo una garanzia di bilancio per attirare gli investimenti privati. Queste aree di policy sono:

  • Infrastruttura sostenibile
  • Ricerca, innovazione e digitalizzazione
  • PMI
  • Investimento sociale e competenze


Torna indietro

Richiedi la tua consulenza

Ogni martedì, dalle 9.00 alle 13.00 e giovedì dalle 14.30 alle 18.30 tramite Skype insieme ad un nostro consulente.