17.02.20 ore 18.35

Credito d’imposta: Quali gli Oneri Documentali.

Un’altra novità di quest’anno è l’elenco e il come fornire la documentazione idonea per il credito d’imposta.

La documentazione idonea al fine di dimostrare la spettanza del beneficio consiste nelle fatture e negli “altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati”.

Le fatture e tutti gli altri documenti inerenti l’investimento devono contenere l’evidente riferimento alle disposizioni della Legge di Bilancio 2020, ivi intendendo una dicitura similare alla seguente: “Beni agevolabili ai sensi dell’articolo 1, commi 184-194, Legge 160 del 27.12.2019”.

La non adempienza di tale onere documentale può arrecare al beneficiario del credito d’imposta, in sede di controllo dell’Agenzia delle entrate, la grave conseguenza consistente nella revoca dell’agevolazione.

La nuova disciplina introdotta dall’articolo 1, commi 184 –197, L. 160/2019 (c.d. Legge di Bilancio 2020) e sostitutiva, per l’annualità 2020, delle normative previgenti in materia di super e iper ammortamento, impone ai soggetti beneficiari un inedito onere documentale da attivare prima del perfezionamento dell’investimento.

Il comma 195 dispone in particolare che “ai fini dei successivi controlli, i soggetti che si avvalgono del credito d’imposta sono tenuti a conservare, pena la revoca del beneficio, la documentazione idonea a dimostrare l’effettivo sostenimento e la corretta determinazione dei costi agevolabili”.

 

Per maggiori informazioni contatta subito un nostro esperto!

Tema di interesse:



Torna indietro

Richiedi la tua consulenza

Ogni martedì, dalle 9.00 alle 13.00 e giovedì dalle 14.30 alle 18.30 tramite Skype insieme ad un nostro consulente.